FUMO DI SIGARETTA: un’abitudine da abbandonare

Il fumo di tabacco è fortemente irritante per le mucose: sia l’inalazione  attiva che l’esposizione passiva rappresentano uno dei fattori principali in grado di accentuare i sintomi allergici.

Il fumo fa male: fa male ai fumatori e anche a chi lo respira in modo passivo. Oggi è indicato uno tra i principali responsabili dell’insorgenza di problematiche allergiche; riduce le difese immunitarie e, nel caso in cui si sia già in presenza di una forma allergica, può favorire la sua progressione.

Nel fumo di sigaretta sono, infatti, contenute delle sostanze che tendono a stimolare la produzione di molecole irritanti per le mucose, ma non solo. E’ stato dichiarato dal pneumologo dell’Unità di medicina d’urgenza dell’ospedale Humanitas di Milano che il fumo, sia diretto che indiretto, ha un ruolo fondamentale  nell’avvio del processo allergico: molte persone che non accusano sintomi asmatici o di rinite allergica senza fumare, iniziano a soffrirne, per contro, dopo qualche anno di tabagismo.

Anche il fumo indiretto fa male; fumare in casa, in presenza di bimbi, in auto o in ambienti frequentati da bambini è assolutamente da evitare poiché predispone i loro bronchi ad infiammazione e può portare, a distanza di tempo, alla comparsa di asma e rinite allergica.

Anche l’inquinamento ambientale influisce sull’insorgere delle suddette patologie; la differenza è che il fumo di sigaretta si può eliminare, l’inquinamento è un po’ più difficile da togliere, per ovvi motivi.

 

942 pensieri su “FUMO DI SIGARETTA: un’abitudine da abbandonare

  1. I am not sure where you’re getting your info, but good topic. I needs to spend some time learning much more or understanding more. Thanks for great information I was looking for this info for my mission.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *